Decreto semplificazioni: finalmente la PA a portata di smartphone

Il Blog delle Stelle / MoVimento 5 Stelle /

del Ministro per la Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone e del Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione Paola Pisano


Più rapida, semplice e accessibile, alleata di cittadini e imprese. La Pubblica amministrazione che vogliamo, e per la quale stiamo lavorando, mette la persona al centro, snellendo le procedure e avvicinando i servizi pubblici ai bisogni, alle esigenze di tutti noi.

Il digitale è uno strumento chiave per questo percorso di innovazione: ecco perché nel nuovo Decreto Semplificazioni abbiamo lavorato a un ulteriore pacchetto di norme che accelera il trasferimento dei servizi stessi sui nostri smartphone e sui nostri pc.

Innanzitutto consolidiamo la cittadinanza digitale grazie a Spid e Carta d’identità digitale (CIE) e rafforziamo il domicilio digitale dei cittadini, che potranno finalmente accedere tramite AppIO a tutti i servizi digitali della Pubblica amministrazione.

Facilitiamo la comunicazione tra le pubbliche amministrazioni e i cittadini attraverso una piattaforma accessibile per la notifica digitale di provvedimenti e atti degli uffici pubblici e semplifichiamo anche la notifica degli atti giudiziari.

Non si può, però, digitalizzare il “front office” se non si informatizzano e non si rendono più semplici le procedure interne agli uffici. Con il decreto diamo regole omogenee a tutte le amministrazioni per gli acquisti tecnologici, spingiamo sulla formazione digitale dei dipendenti e la progettazione dei servizi digitali ai cittadini, perché non esiste una Pubblica Amministrazione smart senza un personale smart.

Quindi diamo ulteriormente corpo al principio del “once only” con la semplificazione e il rafforzamento dell’interoperabilità tra banche dati pubbliche, garantendo piena accessibilità e condivisione delle informazioni tra gli enti. Introduciamo, inoltre, un modello sicuro e agile di piattaforma digitale nazionale dati finalizzata a favorire l’utilizzo del patrimonio informativo pubblico.

Tutto ciò potrà realizzarsi in modo inclusivo e diffuso sul territorio solo se avremo una presenza capillare della banda ultra larga. Ecco perché nel decreto abbiamo inserito un pacchetto che accelera e snellisce gli scavi delle micro-trincee e l’installazione degli impianti elettronici sugli edifici senza vincoli storico-artistici.

Immaginate di avere la PA a portata di smartphone. Grazie al MoVimento 5 Stelle al Governo, quello che fino a poco tempo fa sembrava solo un sogno si sta ora trasformando in realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.