REDDITO DI EMERGENZA – REM :CHI PUÒ RICHIEDERLO

Il Reddito di emergenza è incompatibile con il reddito di cittadinanza

Quali sono i requisiti per richiedere il REM?

I requisiti per richiedere il Reddito di Emergenza sono:

  • residenza in Italia del richiedente
  • un valore dell’ISEE o dell’ISEE corrente inferiore a €15.000
  • reddito familiare riferito al mese di aprile di importo inferiore all’ammontare mensile del beneficio spettante (da €400 a €800 come indicato in tabella); per tale calcolo viene indicato di seguire il principio di cassa
  • patrimonio mobiliare riferito all’anno 2019 di importo inferiore a €10.000 per nucleo composto da una persona, tale soglia è incrementata di €5.000 per ogni componente successivo al primo fino ad un massimo di €20.000. Se nel nucleo è presente un disabile grave o non autosufficiente la soglia è incrementata di €5.000.

Quando non si ha diritto al Reddito di emergenza?

Non si ha diritto al reddito di emergenza se:

  • uno dei componenti del nucleo familiare ha percepito una delle indennità prevista dal decreto CURA ITALIA
  • percettori di Reddito o pensione di Cittadinanza
  • se pensionati ad eccezione di titolari di assegno ordinario di invalidità
  • se detenuti o ricoverati in strutture di lunga degenza a totale carico dello Stato
  • titolari di un rapporto di lavoro dipendente la cui retribuzione lorda sia superiore alla soglia massima di reddito familiare, individuata in relazione alla composizione
    del nucleo.

Chi non può richiedere il REM?

Di seguito le indennità per i lavoratori danneggiati dall’emergenza COVID appartenenti alle seguenti categorie per i quali NON è possibile ottenere il ReM:

  • lavoratori autonomi iscritti alle gestioni INPS
  • liberi professionisti titolari di partita IVA iscritti alla gestione separata
  • lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, iscritti alla Gestione separata
  • lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali
  • lavoratori dello spettacolo
  • lavoratori agricoli
  • lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali
  • lavoratori intermittenti
  • lavoratori autonomi, privi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie
  • incaricati alle vendite a domicilio
  • lavoratori domestici.

Compatibilità con Disoccupazione NASPI e CASSA INTEGRAZIONE

Il Rem è compatibile con disoccupazione e cassa integrazione.

In questi casi bisognerà fare attenzione in presenza di NASPI, il reddito percepito deve essere conteggiato insieme agli altri redditi percepiti dalla famiglia, nel mese di aprile, al fine di verificare il requisito del reddito familiare.

Se in cassa integrazione, il reddito percepito ad aprile deve essere conteggiato con quelli del nucleo al fine di verificare il requisito del reddito familiare; si ricorda che in caso di titolari di un rapporto di lavoro dipendente la cui retribuzione lorda sia superiore alla soglia massima di reddito familiare, individuata in relazione alla composizione del nucleo non si ha diritto alla prestazione.

Quali sono i documenti da presentare?

Prima di presentare la domanda è necessario essere in possesso dell’attestazione riportante il calcolo dell’ISEE 2020.

Nel caso in cui almeno un componente del nucleo familiare abbia perso o ridotto la propria attività lavorativa, è possibile richiedere l’ISEE “corrente” al fine di aggiornare il proprio calcolo ISEE con redditi riferiti all’ultimo periodo e non ai due anni precedenti così come previsto dall’ISEE ordinario.

A quanto ammonta il REM?

L’importo minimo complessivo del bonus è pari a €800 (erogato in due quote da €400) per un nucleo familiare composto da una persona e può arrivare fino a €1.600 per le famiglie più numerose (erogato in due quote da €800).

L’importo massimo del beneficio viene portato ad €1.680 (due quote mensili da €840) per le famiglie con presenza di disabile grave o non autosufficiente.

Ad esempio:

  • famiglia di 1 persona: importo complessivo €800 (due mensilità da €400)
  • famiglia di 2 persone maggiorenni: importo complessivo €1.120 (due mensilità da €560)
  • famiglia di 3 persone, due maggiorenni e un minorenne: €1.280 (due mensilità da €640)
  • famiglia di 4 persone, due maggiorenni e due minorenni: €1.440 (due mensilità da €720)
  • famiglia di 4 persone, tre maggiorenni e un minorenne: importo massimo € 1.600 (due mensilità da €800)
  • famiglia di 5 persone, due maggiorenni e tre minorenni: importo massimo € 1.600 (due mensilità da €800).

Quando si presenta la domanda

Le domande andranno presentate entro fine luglio 2020. (*)

(*) prorogata la scadenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.